LOCAL NEWS - Agenzia Foto Video Reporter

Vai ai contenuti

**Migranti: Amm. De Giorgi, 'basta stragi di innocenti, rimettiamo in mare nostre navi'**

Trasformare campi concentramento Libia in campi accoglienza’.
’Il primo problema è che la Libia non ha ancora la capacità di intervenire in caso di condizioni meteorologiche avverse, vista la dimensione delle sue unità di soccorso. Il secondo è che la Libia non soddisfa le condizioni per essere considerata un luogo sicuro per i migranti eventualmente salvati dal mare’. Lo afferma all’Adnkronos l’ex capo di Stato maggiore della Marina Militare, Ammiraglio Giuseppe De Giorgi, commentando l’ultimo
naufragio avvenuto nel Mediterraneo.

Tutti insieme per il Carciofo Ortano

Il carciofo ortano come prelibata produzione tipica del territorio della città del fiume sta riacquisendo da qualche anno una posizione dominante, sia come produzione agricola che nella versione di dolce tipico.

Migranti, Sant’Egidio: cordoglio per le vittime al largo della libia e appello alle autorità per garantire i salvataggi in mare

Al largo della Libia si è consumato l’ennesimo dramma dell’immigrazione con un bilancio di vittime che alcune Ong stimano ad oltre cento. La Comunità di Sant’Egidio esprime innanzitutto il suo cordoglio alle famiglie dei migranti, che nel loro viaggio hanno patito sofferenze e soprusi dalla partenza dal loro paese fino alla tragica sorte nelle acque del Mediterraneo. Un sentimento di pietà che occorre riaffermare di fronte ad una notizia che rischia di passare in secondo piano in questo amaro tempo di pandemia.

50 auto elettriche alle Capitanerie di porto - Guardia Costiera

Consegnate 50 vetture a emissioni zero al Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera. La cerimonia si è svolta presso la sede del Ministero della Transizione Ecologica, alla presenza delle sottosegretarie del Ministero della Transizione Ecologica, Ilaria Fontana e Vannia Gava e del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, Ammiraglio Giovanni Pettorino

Giornata della Terra: sos api con clima pazzo

Nel 2021 si è verificato in Italia a macchia di leopardo un evento estremo al giorno tra siccità, bombe d’acqua, violente grandinate e gelo in piena primavera che ha distrutto le fioriture compromettendo pesantemente il lavoro delle api. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati della banca dati dell’European Severe Weather Database (ESWD), dall’inizio dell’anno, divulgata in occasione della giornata della terra celebrata in tutto il mondo il 22 aprile.

Russia-Repubblica Ceca, ancora schermaglie e tensioni

Continua il braccio di ferro diplomatico tra Mosca e Praga.
"La Repubblica ceca ha notevoli proprietà immobiliari nel centro di Mosca", fa sapere il ministero degli Esteri russo in risposta alle richieste delle autorità ceche di restituire parte del terreno nel parco di Stromovka, dove si trova l'Ambasciata russa.

Il 22 aprile si festeggia la Giornata della Terra 2020

“Il 22 aprile, inonderemo il mondo di speranza, ottimismo e azione. Ti unirai a noi?” Questo l’invito rivolto dalla Giornata della Terra 2020 (Earth Day 2020), una delle più importanti celebrazioni ambientali mai organizzate a livello mondiale. La manifestazione festeggia quest’anno il suo 50esimo anniversario, mostrando ancora una volta di non aver perso smalto. Al contrario. La Giornata della Terra 2020 si evolve per stare al passo con i tempi e con le eccezionali misure lockdown attuate in risposta alla crisi del coronavirus. Quello che fino al 2019 era stata una mobilitazione fisica di milioni di individui, oggi si trasforma in un evento digitale. Una gigantesca maratona virtuale che, per 24 ore, attraverserà il Pianeta e raccoglierà azioni grandi e piccole, testimonianze e impegni a favore del Pianeta.

I “droni molecolari” aprono a nuove frontiere di materiali

La ricerca dell’Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati del Cnr, pubblicata sulla rivista Advanced Materials, introduce un nuovo paradigma per la manipolazione della materia su scala atomica, basato sull’uso di particolari molecole che vengono utilizzate come veri e propri droni.

La siccità in Italia è in aumento

Giuliacci: “La siccità in Italia è in aumento. Un nostro studio (di Meteogiuliacci) mostra come il forte aumento delle annate siccitose sia dovuto a più frequenti e durature incursioni sull’Italia da parte dell’Anticiclone Africano, il quale nel corso dell’ultimo ventennio ha spostato di 500-700 km verso Nord il suo raggio di azione, così di spingersi con maggior facilità fin sulla nostra Penisola”.
Aicanews.it - Rea n..1182236
Torna ai contenuti